Obblighi promotore

Con riferiento alla sollecitazione di deleghe il Regolamento emittenti stabilisce:

Art 137 Obblighi di comportamento
1. Il promotore si comporta con diligenza, correttezza e trasparenza.
2. Nei contatti con i soggetti sollecitati, il promotore si astiene dallo svolgimento
dell'attività nei confronti di coloro che si siano dichiarati non interessati, fornisce in modo
comprensibile i chiarimenti richiesti e illustra le ragioni della sollecitazione ponendo, in ogni
caso, in evidenza le implicazioni derivanti da rapporti di affari o partecipativi propri o di soggetti
appartenenti al suo gruppo, con la società emittente o con soggetti appartenenti al gruppo di
quest'ultima.
3. Il promotore, diverso dalla società emittente, informa che, ove espressamente
autorizzato dal soggetto sollecitato, nel caso in cui si verifichino circostanze di rilievo, ignote
all'atto del rilascio della delega e che non possono essere a questi comunicate, tali da far
ragionevolmente ritenere che lo stesso, se le avesse conosciute, avrebbe dato la sua
approvazione, il voto potrà essere esercitato in modo difforme da quello proposto.
4. Il promotore mantiene la riservatezza sui risultati della sollecitazione.
5. Il promotore dà notizia con comunicato stampa, diffuso senza indugio con le modalità
indicate nell'articolo 136, comma 3, dell'espressione del voto, delle motivazioni del voto
eventualmente esercitato in modo difforme da quello proposto ai sensi del comma 3, e dell'esito
della votazione.
6. Ai sensi dell'articolo 142, comma 2, del Testo unico, chi esercita il voto in assemblea è
tenuto a votare per conto del delegante anche sulle materie iscritte all'ordine del giorno per le
quali il promotore non abbia formulato proposte, secondo la volontà espressa dal delegante
stesso nel modulo di delega ai sensi dell'articolo 138, comma 3.
7. Il promotore non può acquisire deleghe di voto ai sensi dell'articolo 2372 del codice
civile.

TUF Art. 143 (Responsabilità)

1. Le informazioni contenute nel prospetto o nel modulo di delega e quelle eventualmente diffuse nel corso della sollecitazione devono essere idonee a consentire all'azionista di assumere una decisione consapevole; dell' idoneità risponde il promotore 532.

2. Il promotore è responsabile della completezza delle informazioni diffuse nel corso della sollecitazione 533.

3. Nei giudizi di risarcimento dei danni derivanti da violazione delle disposizioni della presente sezione e delle relative norme regolamentari spetta al promotore l'onere della prova di avere agito con la diligenza richiesta534.

Comments